Associazione
Congressi
Circoli
Tesseramento
Mailing list
Link
Contatti

     

i circoli su facebook



Salute delle lesbiche: miti e realtà
Premio di Laurea in Studi sul Lesbismo e sul Genere
Leggere le differenze - Bibliografia sull’omofobia
Forme moderne di eterosessismo nella formazione degli adulti
Il movimento delle lesbiche in Italia



il movimento delel lesbiche in Italia

salute delle lesbiche miti e realta

guarda in faccia la violenza
diritti delle persone lgbt

ilga europe member

Scuola estiva di studi sul lesbismo e sul genere - seconda edizione

ArciLesbica Nazionale in collaborazione con ArciLesbica Mediterranea Bari organizza la II edizione di "Orientate alla Felicità", una scuola estiva di studi sul lesbismo e sul genere.

Il capitale disumano: può vivere solo chi se lo merita

Il significato di felicita' dal punto di vista critico femminile nella crisi della società a mercato totale

Dal 30 luglio al 2 agosto (inizio scuola il 31 luglio) nella splendida cornice della Masseria Santanna (Monopoli - Bari)


info scuola: 3299260932
per pernottamento: 3336416863

programma completo


IL GOVERNO NON IMPUGNI LA SENTENZA. IL PARLAMENTO APPROVI IL MATRIMONIO PER TUTTI

Le associazioni italiane LGBTI e tutte le associazioni impegnate sul terreno delle libertà civili, che aderiscono alla Campagna #LoStessoSì, all’indomani della sentenza della Corte Edu che condanna lo Stato italiano per la violazione dell’articolo 8 - il diritto al rispetto per la vita privata e familiare - della Convenzione europea dei diritti umani, esprimono preoccupazione per l’inerzia di un legislatore che colpevolmente, al di là del colore politico, non ha saputo sino ad oggi riconoscere dignità sociale alle relazioni familiari delle persone omosessuali.

Chiediamo che il Governo italiano si esprima, in modo inequivoco e coerentemente con gli impegni assunti dai propri esponenti nel corso di questi mesi, dichiarando di rinunciare alla impugnazione della decisione, mediante acquiescenza.

Chiediamo altresì che il Parlamento italiano introduca senza ritardi una legge che garantisca alle coppie dello stesso sesso la protezione della vita familiare mediante l’estensione del matrimonio civile, l’unico istituto che garantirebbe realmente la piena uguaglianza tra tutti i cittadini e le cittadine.

Lo Stato italiano sarà da oggi sotto osservazione da parte dell'Assemblea dei Ministri del Consiglio d’Europa, ma anche le associazioni continueranno a vigilare, perché non vengano introdotte forme di discriminazione in materia di diritto di famiglia.

D'ora in avanti il colpevole immobilismo delle istituzioni provocherà per lo Stato l'obbligo di risarcire ogni singola persona o coppia omosessuale vittima di violazione del diritto fondamentale alla vita familiare. Risarcimenti che peseranno sulle casse dello Stato e sulle tasche di ogni singolo cittadino costretto a pagare per l'inerzia della classe politica. Noi ci impegneremo a promuovere e sostenere tutte le relative azioni giudiziarie.

#LoStessoSì

Agedo
Antéros LGBTI Padova
ArciArcigay
Arcilesbica
Associazione Radicale Certi Diritti
Associazione Attivisti Gay Harvey Milk Onlus Ascoli Piceno
Avvocatura per i Diritti LGBTI - Rete Lenford
Azione Gay e Lesbica
CILD - Coalizione Italiana per le Libertà e Diritti Civili
Circolo Tondelli Bassano del Grappa
Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli
CondividiLove
Cooperativa Befree
Coordinamento Torino Pride
DiversityEdge - Excellence & Diversity by GLBT Executives
Equality Italia
Famiglie Arcobaleno
Harvey Milk Onlus
I Mondi Diversi
La Fenice Gay
L. Arcobaleno - LUISS Students Association
LoveOutLaw
Polis Aperta
Progetto Prisma
Rete Genitori Rainbow



L’EUROPA DEI DIRITTI BOCCIA IL CLERICALISMO DELLE DISCRIMINAZIONI

“La sentenza della Corte europea dei diritti umani conferma che l'Italia non può più attendere – dichiara Lucia Caponera, vice presidente nazionale di ArciLesbica - L'Europa dei diritti umani boccia l'Italia dei rinvii, del clericalismo, dei Giovanardi di turno e delle commistioni con le piazzate sulla famiglia naturale. I diritti in questo paese non sono più declinabili. Il Parlamento si affidi meno all’agenda politica e colmi un vuoto normativo legiferando almeno sulle unioni civili”.


arruzza-capitale disumano
"La libertà del capitale: il genere e la sessualità nell'epoca della mercificazione" Con Cinzia Arruzza

In occasione della II edizione nazionale di "ORIENTATE ALLA FELICITA'" scuola estiva di studi sul lesbismo e sul genere

ArciLesbica, Le Lucciole e RiMake-Communia organizzano il 26 Giugno un'anteprima di approfondimento e discussione dal titolo

"IL CAPITALE DISUMANO
La libertà del capitale: il genere e la mercificazione"


con CINZIA ARRUZZA, Assistant Professor of Philosphy, The New School of Social Research - New York

Dyke on Bike per promuovere la visibilità lesbica e i diritti civili al Verona Pride 2015


Torna Dyke on Bike!
Al Verona Pride 2015 con una pedalata amatoriale per sensibilizzare contro omofobia e discriminazione.
info e iscrizioni: Arcilesbica Il Riparo Padova



Roberta Vannucci eletta presidente Arcilesbica 29 marzo 2015 - Comunicato stampa

Si è concluso a Cagliari il settimo Congresso nazionale di ArciLesbica, a cui hanno partecipato le delegate provenienti da tutti e diciassette i Circoli sparsi in Italia. Dopo tre giorni intensi di confronto, con la partecipazione di diversi ospiti ed eventi culturali, il Congresso ha eletto la nuova segreteria, composta da Lucia Caponera (vicepresidente) - Roma, Franca Chiarello (tesoriera) - Padova, Flavia Franceschini - Milano, Elena Lazzari - Trento, Stella Pirola - Novara, Elena Toffolo - Treviso, Roberta Vannucci (presidente) - Firenze.
Sono stati eletti anche il collegio delle Garanti, composto da Claudia Barbarano - Napoli, Helen Ibry - Milano, Francesca Polo - Milano, e il collegio delle Revisore, composto da Elisabetta Marzi - Perugia, Giulia Neri - Perugia, Chiara Piccoli - Napoli.


<< 1 di 37 >>

 

UNA CITTA’ CON LA “L” MAIUSCOLA

Ecco il primo di quattro articoli scritti da Flavia Franceschini, segretaria nazionale di ArciLesbica e attivista del circolo Zami di Milano, dove ci descrive una Vienna inedita.
Un particolare ringraziamento a Vienna Tourist Board.
VIENNA PER NOI
Un viaggio affascinante nella Vienna Lesbica, nella Vienna LGBT. Un viaggio attraverso il tempo, dove il passato ed il presente si confondono dove, tra tanta storia, ci si accorge di come la modernità e la civiltà non siano solo nell’architettura.
Grazie al Vienna Tourist Board che dal 1997 si occupa di promuovere e di scoprire le storie ed i luoghi della cultura LGBT.
Anche verso il mondo LGBT Vienna si dimostra aperta
Durante una vacanza a Vienna è possibile coniugare il divertimento con la scoperta di luoghi caratteristici, perché nella poliedricità di questa città, ognuno può trovare quello che gli si addice. Anche verso il mondo LGBT Vienna si dimostra aperta, moderna, quasi illuminata.
“Qualunque sia il locale in cui vado, la mia presenza non ha mai suscitato reazioni di rifiuto o di ostilità” dichiara Conchita Wurst, la Drag Queen austriaca più famosa d’Europa.
<< 1 di 9 >>

<

<< 1 di 2 >>


new european anti discrimination legislation



Documento senza titolo